Dentro i nostri prodotti

"Naturale" e "Chimico": che confusione!

chrono Tempo di lettura : 0 min.

Il naturale e il chimico sono due nozioni comunemente opposte: il naturale è spesso percepito come qualcosa di sano mentre la chimica è assimilata a qualcosa di pericoloso sia per la nostra salute che per l'ambiente. Eppure, nella nostra vita tutto è chimica, tutti i materiali , tutte le sostanze sono chimiche! Il naturale non fa eccezione. Infatti, un ingrediente, che sia naturale o meno, è composto da una o più molecole definite con un nome chimico. Ad esempio, la vitamina C è acido ascorbico, il sale da tavola è cloruro di sodio e l'aceto bianco acqua e acido acetico.

Che differenza c'è tra "naturale", "ingrediente naturale" e "ingrediente di origine naturale"?

"Naturale" si dice di qualcosa che si trova come tale in natura, che sia sulla terra, nel suolo o negli oceani, oppure che è ottenuto direttamente a partire da vegetali, minerali, animali o dal mondo microbico.

Un ingrediente naturale è un composto chimico proveniente dal regno vegetale, minerale, animale o microbico. È ottenuto tramite procedimenti fisici di estrazione (ad esempio pressione) senza che nessuno dei suoi costituenti venga trasformato. È il caso ad esempio dell'olio di girasole o dell'olio di oliva comunemente usati nei prodotti cosmetici.

A differenza di un ingrediente naturale, in un ingrediente detto "di origine naturale" gli elementi costitutivi hanno subito una trasformazione. Questa trasformazione è in linea con i principi della chimica verde rispettosa dell'ambiente che utilizzano un minimo di energia e di solventi e generano un minimo di rifiuti. Ad esempio, il Pro-Xylane, un ingrediente anti-age usato nei nostri prodotti cosmetici, proviene dal legno di faggio secondo questi stessi principi.

natural vs chemical

 

Che cos'è la chimica e cosa si intende per "ingrediente chimico"?

La chimica è la scienza che studia la struttura, le proprietà e le trasformazioni della materia. Si divide in diverse categorie come la chimica organica, la chimica-fisica o la chimica ambientale. Ad esempio, la chimica organica è la chimica dei derivati del carbonio e dei suoi composti.

Un ingrediente è comunemente detto "chimico" quando è ottenuto per sintesi. I procedimenti di sintesi permettono di controllare la purezza dell'ingrediente. Nel caso di un ingrediente naturale, che non subisce nessuna trasformazione, è possibile una maggior variabilità riguardo le sue proprietà come la composizione, il colore o l'odore.

Nell’industria cosmetica, siamo ricorsi alla chimica per produrre le molecole attive le cui risorse allo stato naturale si esauriscono o che si trovano in piccola quantità in natura, come la vaniglina o la vitamina C. Questi ingredienti di sintesi possono essere di origine vegetale, minerale o fossile (provenienti dal petrolio e dai suoi derivati). In questo caso hanno subito una trasformazione chimica più rilevante degli ingredienti di origine naturale.

L’utilizzo di questi ingredienti trasformati dalla chimica permette altresì di preservare la biodiversità duplicando chimicamente una molecola naturale senza doverla sfruttare. Ciò avviene spesso con gli ingredienti usati nell'industria dei profumi

Ingrediente di sintesi, ingrediente naturale: uno è più sicuro dell'altro?

Solitamente la chimica è associata con quanto è artificiale o sintetico. Questa associazione rafforza i preconcetti: ciò che è chimico sarebbe nocivo mentre ciò che è naturale sarebbe buono! Questa affermazione è completamente falsa. "naturale" non è sinonimo di salute o di sicurezza, lungi da ciò! Infatti, i veleni più pericolosi si trovano in natura, come il veleno degli animali, la digitale o la cicuta (piante tossiche). Trasformare chimicamente una materia prima permette di controllarne meglio la qualità e la riproducibilità e di limitarne le impurità. In Natura, la qualità degli ingredienti naturali varia in base al clima, agli ambienti circostanti o ancora alle impurità che possono averla contaminata.

Infine, è anche ben noto scientificamente che è la dose a fare il veleno. Come tutti i tipi di ingredienti, un ingrediente naturale, come lo zucchero o il sale, può essere pericoloso se viene usato a dosi inappropriate. Tutti i nostri prodotti formulati con ingredienti naturali o meno vengono valutati in modo rigoroso in termini di sicurezza sull'uomo e sull'ambiente, tenendo conto delle condizioni di utilizzo: uso, frequenza e dosaggio degli ingredienti.

I nostri impegni

In L’Oréal, ci impegniamo a rispettare la biodiversità e a preservare le risorse naturali. Al di là delle nozioni di naturale o di chimico, per preservare il pianeta è fondamentale usare ingredienti rinnovabili. La maggior parte delle nostre materie prime deriva da fonti rinnovabili ed è in gran parte di origine vegetale. Riteniamo la biodiversità una fonte essenziale di innovazione, per questo ci impegniamo ad approvvigionarci di ingredienti in modo sostenibile e responsabile. Entro il 2030, il 95% degli ingredienti delle nostre formule proverrà da fonti vegetali rinnovabili o da minerali abbondanti.

Scopri

Le ultime novità

Trova qui le tematiche più recenti relative a "Dentro i nostri prodotti"

  • La classificazione delle sostanze CMR

  • Tracce di impurità e di contaminanti: definizione, regolamentazione e gestione

  • "Naturale" e "Chimico": che confusione!

  • I label, cosa sono e a cosa servono?

  • Neonati, bambini, adolescenti e donne in gravidanza: bisogni specifici

  • Beauty App

  • La composizione dei prodotti: la nostra expertise

  • Gli interferenti endocrini

  • La sicurezza dei prodotti: la nostra priorità assoluta

  • La qualità al centro del prodotto

  • Metalli pesanti

  • I nostri metodi alternativi alla sperimentazione animale

  • Conformità alle normative in ambito cosmetico